Detrazione del 50% sul box pertinenziale anche con assegno o bonifico ordinario

Il preliminare può essere registrato anche dopo i pagamenti

Con la pubblicazione della circolare 43 del 18 novembre 2016, l’Agenzia delle Entrate, modifica il proprio orientamento dando la possibilità di detrarre, le spese per l’acquisto del box pertinenziale pagato con assegno bancario, ed i pagamenti effettuati a titolo di acconti prima della registrazione del preliminare o del rogito.

Cosa fare con le vecchie dichiarazioni dei redditi

La nuova interpretazione, supera le rigidità espresse in precedenti documenti di prassi, come ad esempio la circolare 55/E del 2012, e dà anche la possibilità, ai contribuenti che si sono visti bocciati, il riconoscimento della detrazione negli anni passati, di presentare una dichiarazione integrativa a favore, per richiede la detrazione fiscale.

Read more

Nuovi termini per correggere a proprio favore la dichiarazione dei redditi

L’articolo 5 del DL 193/2016, convertito in legge, “dichiarazione integrativa a favore del contribuente”, ridefinisce i tempi e le modalità per le correzioni delle dichiarazioni, che producono un vantaggio, a favore del contribuente.

Nelle precedenti disposizioni, la norma consentiva di emendare la propria dichiarazione dei redditi, fino alla scadenza dei termini per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo di imposta successivo.

Quindi le rettifiche a favore del contribuente relative ad esempio al modello Unico 2015, potevano essere richieste, mediante la presentazione di un modello integrativo, massimo entro il 30 settembre 2016.

Read more

Versamenti superiori a 1000 euro anche con F24 cartaceo

postaLe persone fisiche, non titolari di partita IVA, a decorrere dal 3 dicembre ’16, possono effettuare i pagamenti, per imposte, i contributi previdenziali o eventuali assicurazioni INAIL, direttamente con il modello F24 cartaceo.

Con l’approvazione della Legge 225 del 2016, di conversione del D.L. 193/2016, è stato eliminato l’obbligo di invio telematico per i pagamenti mediante F24 delle persone fisiche. Sarà quindi possibile, come avveniva fino al 2014, recarsi in banca o posta, con il modello F24 cartaceo, per effettuare i pagamenti.

La novità consente di superare anche i limiti ai pagamenti in contanti, fissati dalla legge, sarà quindi possibile effettuare pagamenti in contanti anche per importi superiori a 3.000 euro.

Read more

Saldo IMU e TASI

houses-1719055_960_720Il 16 dicembre scade il termine per il pagamento del saldo IMU e Tasi 2016. Il versamento dovrà essere effettuato mediante l’utilizzo del modello F24, indicando, tra l’altro, o codici tributo, il codice catastale del comune in cui sono situati gli immobili ed il numero degli stessi.Ad esempio, per il versamento relativo ad un secondo box situato nel comune di Milano, si dovranno indicare i seguenti dati sul modello F24 semplificato:

f24-sem

Read more